Home TERRITORIOItinerari Colle Val D’Elsa e l’acqua

Colle Val D’Elsa e l’acqua

Da Sabrina Fattorini
Colle Val D'Elsa e l'acqua
L’Elsa lungo il percorso di SentierElsa

Colle val d’Elsa è una cittadina dove l’acqua del fiume Elsa, nelle molteplici forme che assume, ha rivestito in passato una grande importanza. Oggi alcuni interventi sul fiume hanno anche valorizzato e reso fruibile ai cittadini, una vasta area che in passato era considerato luogo di svago.

Il fiume Elsa

Nasce dalla Montagnola senese nel comune di Sovicille e, nel suo primo tratto, è denominato Elsa Morta perché alimentato dalle sole acque piovane. Il secondo tratto è conosciuto come Elsa Viva, per l’afflusso delle acque provenienti dalle Vene, le acque che fornivano forza motrice in passato ai mulini e alle cartiere.

Colle Val D'Elsa e l'acqua
Il parco Fluviale a Colle

Le Gore

Le Gore sono dei canali artificiali costruiti nel XIII secolo che deviano il corso dell’Elsa. Nel Medioevo, ma anche più tardi, erano utilizzate per fornire energia motrice a basso costo o nullo agli opifici cittadini, dalle cartiere, ai lanifici, alle ferriere.

Le acque dell’Elsa vengono deviate al ponte di San Marziale dalla Steccaia e dal Callone Reale, due opere di ingegneria idraulica attive fin dall’XI secolo.

Al primo tratto, realizzato tra le Vene e il Ponte delle Nove, si aggiunse il secondo, l’Aldobrandina o Lombrandina, che prosegue fino a Spugna. In seguito il percorso delle Gore fu ulteriormente allungato, passando per i Botroni e arrivando fino al confine con il comune di Poggibonsi, a Castiglioni, dove l’acqua confluisce di nuovo nell’Elsa.

Le Vene

Poco distanti dalle Caldane, le terme di Colle, ci sono Le Vene, un’altra sorgente di acqua dove è possibile bagnarsi d’estate. Da Gracciano si prende la strada verso Onci, dove c’è il vecchio mulino, passando per un tratto della Francigena. Anche l’acqua delle Vene si riversa nell’Elsa.

Colle Val D'Elsa e l'acqua
Un tratto dell’Elsa (foto di Simona Pacini)

Il Parco Fluviale dell’Elsa

Il tema, Colle Val D’Elsa e l’acqua è stato in passato, un tema di sfruttamento dell’energia per le fabbriche, ma i cittadini non hanno mai disdegnato un bel bagno nel fiume. Oggi, il Parco Fluviale dell’Elsa, o SentierElsa, un’area verde protetta che permette di passeggiare lungo il fiume per circa quattro chilometri da San Marziale a Spugna in tutte le stagioni. In estate è un luogo fantastico per la balneazione, il trekking ed i pic nic.

Qui si trova il famoso Diborrato, un salto di quindici metri che forma un piccolo lago, dove in passato i colligiani si sfidavano in rischiose gare di tuffi. Proseguendo si trovano altri posti caratteristici: la Grotta dell’Orso, la Conchina, il Masso Bianco, la Nicchia e la Spianata dei Falchi. Lungo il percorso ci sono anche diversi attraversamenti del fiume su grossi massi delimitati da corde. 

Le Caldane

Inoltre a Colle Vald’Elsa, ci sono le acque termali de “Le Caldane“.

Colle Val D'Elsa e l'acqua
Gli attraversamenti sul fiume

Foto di Graziano Signorini e Simona Pacini

Lascia un commento

Potrebbe piacerti anche

Questo sito web utilizza i coockie per fornire all'utente una maggiore facilità di navigazione. Speriamo che questo possa darti la migliore esperienza possiile. Se vuoi puoi disattivare i cookie o leggere in maniera approfondita come trattiamo i tuoi dati. Clicca "accetto" per procedere o "leggi di più" per leggere la nostra normativa sulla privacy Accetto Leggi di più