Home TERRITORIOArte e Cultura La chiesa di Sant’Agostino a Colle

La chiesa di Sant’Agostino a Colle

Da Sabrina Fattorini
La chiesa di Sant'Agostino a Colle

La Chiesa di Sant’Agostino a Colle di Val d’Elsa, è situata nella piazza omonima. Si trova nella parte bassa della città che i colligiani chiamano Piano ed uno dei suoi luoghi più antichi e suggestivi.

La costruzione della chiesa di Sant’Agostino, con annesso il convento dei frati, iniziò nel 1305 a cura degli Eremitani in forme gotiche, ma subì nel tempo diversi rifacimenti. Nel Cinquecento l’architetto Antonio da Sangallo il Vecchio arricchì la navata centrale del tempio con archi a tutto sesto, volte a botta e crociere. La sistemazione della chiesa proseguì nel tempo anche se la facciata non fu mai conclusa. Nel 1900 fu innalzata la torre campanaria su disegno dell’artista colligiano Antonio Salvetti.

La chiesa di Sant'Agostino a Colle
L’interno (Ph Simona Pacini)

L’interno

All’interno della chiesa sono custodite molte opere d’arte di pregio. All’entrata, nella navata destra spicca l’altare barocco della famiglia Cini con l’edicola in legno dorato, dove si trova la copia del Volto Santo del pittore fiorentino Carlo Dolci. Nella cappella è esposta anche la tavola con la Madonna col Bambino del pittore senese Taddeo di Bartolo, originariamente parte di un trittico. L’altare Bardi ha un’edicola in pietra serena che conserva la tela di Giovan Battista Pozzo sul Martirio di Santa Caterina.

Nel transetto destro si trova la cappella Bertini con una copertura a cupola rivestita di marmo con stemmi e busti marmorei. Coperta da volte a botta, l’abside della chiesa ospita il coro ligneo nel presbiterio. L’altare maggiore è fiancheggiato da due lapidi marmoree con iscrizioni, una delle quali ricorda la consacrazione dell’edificio avvenuta il 23 ottobre 1580.

Nella navata sinistra invece si possono notare l’altare marmoreo della famiglia Bolognini attribuito a Baccio da Montelupo. Poi quello della famiglia Sabolini abbellito con stucchi settecenteschi e l’altare della famiglia Albertani con struttura lignea, con una tela di Santi ad opera di Giovan Battista Paggi. Ci sono inoltre statue in legno policromo, crocifissi, affreschi ed il fonte battesimale in pietra di Antonio Salvetti.

La chiesa conserva al suo interno la Via Crucis realizzata nel Dopoguerra dal colligiano Pier Giorgio Baldi e recentemente restaurata dalla sorella Nina.

La chiesa di Sant'Agostino a Colle
La piazza Sant’Agostino con la chiesa e l’oratorio (Ph Simona Pacini)

Lascia un commento

Potrebbe piacerti anche

Questo sito web utilizza i coockie per fornire all'utente una maggiore facilità di navigazione. Speriamo che questo possa darti la migliore esperienza possiile. Se vuoi puoi disattivare i cookie o leggere in maniera approfondita come trattiamo i tuoi dati. Clicca "accetto" per procedere o "leggi di più" per leggere la nostra normativa sulla privacy Accetto Leggi di più