Home TERRITORIORacconti e Leggende La leggenda della volpe d’oro

La leggenda della volpe d’oro

Da Sabrina Fattorini

È tradizione che i manieri di campagna siano infestati dai fantasmi e il Castello di Strozzavolpe, a Poggibonsi, non fa eccezione, solo che qui lo spirito che si muove nel bosco intorno alla proprietà è quello di una volpe, che si narra faccia le sue incursioni nelle notti di luna piena.

La leggenda della volpe d'oro

La volpe

Furono indette delle vere e proprie battute di caccia, con i cacciatori più abili e coraggiosi, ma l’animale, riusciva sempre a fuggire, mettendo in scacco anche i cavalieri più esperti.

Così Bonifacio IV, signore del castello, decise di risolvere la questione una volta per tutte. Fece creare una trappola, la posizionò nel bosco e poco dopo, la volpe fu presa con un laccio e restò strozzata.

La fine della volpe

Così sembrava che tutto fosse finito e che la costruzione del castello potesse riprendere serenamente, ma un mago, predisse che il castello sarebbe durato, quanto il corpo dell’animale.

La leggenda della volpe d'oro

La volpe diventa d’oro

Allora Bonifacio IV, decise di battere la volpe una volta per tutte, facendola imbalsamare e colare al suo interno oro fuso, così da renderla indistruttibile. Il corpo dell’animale fu poi nascosto in un luogo segreto, nelle fondamenta del castello, dove nessuno sarebbe mai riuscito a ritrovarlo e tre cavalieri armati furono messi a guardia del tesoro.

Nasce la leggenda

Nacque così la leggenda della volpe d’oro, perché quando il castello fu completato, lo spirito della volpe, continuò ad aggirarsi nei dintorni terrorizzando i suoi abitanti.

Il signore fu tentato di distruggere il corpo della volpe per cercare di scacciare il fantasma, ma sapeva che eliminandolo, il castello sarebbe crollato. Così visse nel terrore fino alla sua morte e la volpe ebbe la sua vendetta.

La leggenda della volpe d'oro

La leggenda resiste

Si dice che il corpo della volpe d’oro, sia stato trovato verso la fine del secolo scorso, da un muratore che eseguiva lavori di restauro al castello, ma appena preso in mano il tesoro, fuggì, terrorizzato dai fantasmi dei tre cavalieri anticamente messi a guarda di quel luogo.

La leggenda della volpe d’oro ha resistito fino ai giorni nostri. Ogni tanto, pare che qualcuno abbia visto la volpe aggirarsi intorno al Castello di Strozzavolpe nelle notti di luna piena, mentre i fantasmi di Cassandra de’ Franceschi e del suo amante si aggirano ancora dentro le mura.

Foto di Graziano Signorini

Lascia un commento

Potrebbe piacerti anche

Questo sito web utilizza i coockie per fornire all'utente una maggiore facilità di navigazione. Speriamo che questo possa darti la migliore esperienza possiile. Se vuoi puoi disattivare i cookie o leggere in maniera approfondita come trattiamo i tuoi dati. Clicca "accetto" per procedere o "leggi di più" per leggere la nostra normativa sulla privacy Accetto Leggi di più